Coca-Cola compra il caffè Costa per 3,9 miliardi di sterline

Il CEO di Whitbread Alison Brittain dice oggi che l’accordo stimolerebbe l’espansione globale di Costa

Coca-Cola acquisterà la catena di caffè Costa dal proprietario Whitbread in un affare del valore di 3,9 miliardi di sterline.

Whitbread aveva intenzione di scorporare la catena come azienda separata, ma ha affermato che una vendita diretta era più redditizia.

L’amministratore delegato Alison Brittain ha affermato che Whitbread si concentrerà ora sulla sua attività Premier Inn nel Regno Unito e in Germania.

Whitbread ha acquistato Costa, che ora è la più grande catena di caffè del Regno Unito, per soli 19 milioni di sterline nel 1995.

All’epoca aveva solo 39 punti vendita. Ora ha più di 2.400 caffetterie nel Regno Unito e circa 1.400 punti vendita in 31 mercati esteri. Costa Express dispone di 8.237 distributori automatici in tutto il mondo.

Le azioni Whitbread sono aumentate del 16% negli scambi di venerdì pomeriggio.

Intervenendo al programma Today della BBC, Brittain ha spiegato che la Coca-Cola voleva acquistare Costa perché “vogliono il prodotto del caffè, non hanno caffè nella loro gamma”.

Ha detto che i soldi della vendita sarebbero stati usati per espandere la catena Premier Inn, restituire un po’ di denaro agli azionisti, pagare il debito e aumentare il fondo pensione.

Grafica caffè
Spazio bianco di presentazione

Descrivendo la vendita come una “vincita per tutti” per tutti, ha affermato che il prezzo pagato dalla Coca-Cola era molto più alto che se Costa fosse stata scissa in una società autonoma sul mercato azionario.

Ha detto che pensava che il gigante delle bevande avrebbe usato Costa per creare “caffè pronti da bere e freddi”.

“Potresti vedere Costa assolutamente ovunque, nei distributori automatici, negli hotel, nei ristoranti, nei pub, nei caffè – in tutti i posti in cui vedi Coca Cola oggi”, ha aggiunto.

L’amministratore delegato di Coca-Cola, James Quincey, ha dichiarato agli investitori in una teleconferenza che Costa è “un’azienda vincente che può diventare globale”.

Ha riconosciuto che le vendite al dettaglio erano una nuova area per Coca-Cola, ma ha affermato che Costa aveva già “un forte team di gestione” e che Coca-Cola intendeva “rendere attraente per loro la permanenza”.

Whitbread ha annunciato all’inizio di quest’anno che stava pianificando lo spin off di Costa .

Whitbread era stato messo sotto pressione per prendere in considerazione una rottura dell’attività dopo che l’hedge fund Elliott Advisors era diventato il maggiore azionista della società.

Secondo quanto riferito, Elliott ha presentato un piano di scissione dopo aver acquisito una partecipazione del 6% nell’azienda.

Oltre ad essere la più grande catena di caffè del Regno Unito, Costa è anche la seconda più grande al mondo. Sta cercando di triplicare la sua presenza in Cina, dove è seconda a Starbucks.

Secondo gli analisti dei consumatori Kantar Worldpanel, il mercato del caffè fuori casa vale 6,3 miliardi di sterline l’anno solo nel Regno Unito.

  • Caffè: chi coltiva, beve e paga di più?
Linea grigia di presentazione
Whitbread's Brewery, Chiswell Street, Islington, Londra, c1792FONTE IMMAGINE,IMMAGINI DEL PATRIMONIO

Dalla birra ai fagioli ai letti: la lunga storia di Whitbread

1742 – Samuel Whitbread forma una partnership con Godfrey e Thomas Shewell

1750 – Whitbread crea il primo birrificio di massa del Regno Unito a Londra

1868 – Inizia la produzione di birra in bottiglia

1968 – Inizia a produrre Heineken su licenza

1974 – Apre la prima steakhouse Beefeater

1990 – Acquista David Lloyd Leisure, Marriott Hotels, TGI Fridays, Pizza Hut, Premier Lodge

1995 – Acquista Costa Coffee da Sergio e Bruno Costa per £ 19 milioni quando aveva 39 punti vendita

2000 – Vende attività di produzione di birra per concentrarsi su Premier Inn e Costa

Linea grigia di presentazione

Whitbread possiede anche i ristoranti Beefeater e Brewers Fayre. Nel corso degli anni ha posseduto marchi noti come TGI Fridays, Pizza Hut e Marriott Hotels.

L’accordo è soggetto all’accordo degli azionisti di Whitbread ea varie altre approvazioni, anche da parte delle autorità di regolamentazione antitrust.

Dovrebbe essere completato nella prima metà del prossimo anno.

Linea grigia di presentazione

Analisi: Dominic O’Connell, Today Business Presenter

Per anni, la scissione è stata una parolaccia alla Whitbread. Quando è stato chiesto, come spesso accadeva, sulla logica di avere una catena di hotel e una catena di caffè nella stessa azienda, i dirigenti avrebbero esaltato i vantaggi di avere due marchi per il tempo libero sotto lo stesso tetto.

Gli azionisti erano sempre meno convinti, ma erano felici di seguire l’idea mentre Whitbread aumentava le entrate, i profitti e il prezzo delle azioni a un ritmo costante nell’ultimo decennio.

Tutto ciò è cambiato con l’arrivo di Alison Brittain come amministratore delegato e l’apparizione nel registro degli azionisti di Elliott Management, un hedge fund statunitense aggressivo e dalle tasche profonde con un track record di scuotere le grandi aziende. Ha spinto forte per una scissione e la signora Brittain, che ha giudicato che Costa e Premier avevano raggiunto una scala sufficiente per stare in piedi da soli, ha aperto la porta.

Il piano era che Costa sarebbe stato scorporato nei prossimi due anni, ma la Coca-Cola lo ha anticipato con un’offerta a eliminazione diretta.

Mentre questo è un affare fondamentale per Whitbread, è anche una mossa significativa per Coca-Cola, portandolo per la prima volta nelle bevande calde e, si spera, fornendo la crescita per cui i suoi investitori hanno gridato.

Linea grigia di presentazione

Nicholas Hyett, analista azionario di Hargreaves Lansdown, ha descritto l’accordo come “un momento agrodolce per gli investitori di Whitbread”.

“Da un lato, £ 3,9 miliardi è una valutazione innegabilmente ricca e probabilmente molto migliore di quella che Costa potrebbe ottenere come società quotata indipendentemente, valutando i suoi guadagni superiori a quelli del potente Starbucks”, ha affermato.

“D’altro canto, Costa è stato a lungo il fiore all’occhiello di Whitbread e alcuni saranno tristi nel vederlo andare a tutti i costi, soprattutto considerando il potenziale di crescita in Cina e altrove”.

fonte BBC.com